CALAMITA’ NATURALI IN ITALIA, COME TUTELARCI

L’Italia è un paese esposto al rischio di calamità naturali, in particolare terremoti ed alluvioni, che possono causare terribili perdite umane e seri danni al patrimonio abitativo delle famiglie e delle aziende italiane.

Ciò nonostante vi è una incredibile indifferenza rispetto al problema, alcuni numeri ci dicono che il 78% degli edifici italiani sorge in aree a rischio sismico, idrogeologico o climatico, ma solo il 2,4% delle abitazioni è coperto da una qualche forma di polizza assicurativa per catastrofi naturali e solo 1,7% contro il terremoto (dati Ivass 30.07.2019).


Sei dei dieci terremoti più devastanti registrati in Europa tra 1970 e il 2016 sono avvenuti in Italia e ogni anno riparare i danni catastrofali costa alle nostre finanze circa 3 miliardi di euro.

I comuni esposti a un rischio sismico di livello medio-elevato sono 5.157, con 36,9 milioni di residenti. Per il rischio alluvionale, 237 sono i comuni a rischio medio- elevato, con 2,7 milioni di residenti. Dal 1950 si stimano in Italia oltre 5 mila vittime per i terremoti e circa 1.200 tra morti e dispersi per alluvioni”.


Con un sistema di incentivi si potrebbero alleggerire le finanze pubbliche da questi costi, ottenendo anche una tutela più efficiente del patrimonio privato.
La conferma concreta dell’effetto positivo della copertura assicurativa è il confronto tra la rapidità dei tempi della ricostruzione in Emilia, dove, si è intervenuto prontamente sugli immobili danneggiati perché in larga parte coperti da assicurazioni.

 

Come ci tuteliamo!? Come possiamo salvaguardare un bene prezioso come la nostra casa e/o la nostra attività!

Con delle protezioni assicurative complete per tutte le catastrofi naturali (terremoti, maremoti, mareggiate, penetrazioni di acqua marina, eruzioni vulcaniche, bradisismi ed altri fenomeni tellurici, alluvioni, inondazioni, esondazioni, fuoriuscita dalle usuali sponde di corsi o specchi d’acqua naturali o artificiali, allagamenti, nonché franamenti, cedimenti o smottamenti del terreno, incluse valanghe, slavine e variazioni della falda freatica).

– dedicate all’edilizia residenziale (inclusi i condomini)
– alle società (micro, piccole o medie imprese che esercitano attività in ambito produttivo, commerciale o dei servizi.

COPERTURE A PRIMO RISCHIO ASSOLUTO;
FABBRICATO VALORE A NUOVO;
CONTENUTO BENI (MACCHINARE E MERCI)
RICOSTRUZIONE (oneri di urbanizzazione, concessione edilizia, maggiori costi per costruzione e ricostruzione)

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Per maggiori informazioni sullo studio pubblicato dall’Ivass – Quaderno n. 13 – Calamità naturali e coperture assicurative: valutazione dei rischi e policy options per il caso italiano – ti rimandiamo ai link a seguire

 

download (2)